Eventi

Cinema a Furore

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

È un fiordo dalla bellezza mozzafiato quello sulla cui parete stanno aggrappate le casette del comune di Furore.

Due delle vie del borgo marinaro sono dedicate a Roberto Rossellini e ad Anna Magnani.

Nel 1948 Roberto Rossellini girò qui il film Amore in omaggio ad Anna Magnani. Al tempo in cui vennero girate le riprese, i due erano nel pieno della loro storia d’ amore e la costiera amalfitana era stata trasformata in un piccola Cinecittà dal cinema neorealista di Rossellini. Lui aveva quarantadue anni, lei quaranta e aveva comprato una casetta di pescatori per sé e per il suo regista.

Ti prego, promettimi almeno questo, amore. Che non andrete nello stesso albergo dove andavamo noi due.

Con queste parole Anna Magnani ha interpretato il ruolo di un’ amante disperata perché il suo amato sta per sposare un’ altra donna. La scena fa parte di La voce umana, l’atto unico di Jean Cocteau trasposto in versione cinematografica da Roberto Rossellini.

Si racconta che proprio durante le riprese del film arrivò la prima lettera di Ingrid Bergman che chiedeva un incontro con il regista. Ancora oggi i furoresi raccontano divertiti quella volta che, sotto l’impulso di una gelosia furibonda, la Magnani lanciò al regista un piatto di spaghetti al pomodoro in pieno viso. O forse era una scarpa con il tacco, le versioni sono diverse, ma poco cambia.

Anni dopo Rossellini portò la Bergman nello stesso Hotel Luna dove aveva amato Anna Magnani.

L’attrice non tornò mai più a Furore e regalò la sua casa al vecchio custode che la affitta a turisti e appassionati.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti