Curiosità

Come nasce il Monopoli

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Uno dei giochi più famosi al mondo, il Monopoli, è stato inventato nel 1933 da un ingegnere idraulico specializzato in termosifoni e momentaneamente disoccupato.

Si manteneva facendo il dog sitter e decise di sfruttare il tempo libero che aveva a disposizione per ideare un nuovo gioco sulla compravendita. Per comporre il tabellone Charles Darrow utilizzò i nomi delle strade di Atlantic City dove trascorreva l’estate da bambino.  Dopo diversi tentativi riuscì a far brevettare il suo Monopoli nel 1935 dalla fabbrica di giocattoli Parker Brothers e in soli due anni vendette 2 milioni di scatole.

Questa è la versione ufficiale data dalla Hasbro, la fabbrica di giocattoli che oggi detiene il brevetto del Monopoli a livello mondiale. Ma esiste anche un’altra versione che fa risalire la nascita del gioco al 1903 quando un’attrice del Maryland che si chiamava Lizzie Magie inventò una sorta di proto-Monopoli per insegnare una nuova filosofia economica teorizzata in quegli anni.

Nel tempo Monopoli ha avuto un successo strepitoso. Si è aggiudicato anche il Guinness dei Primati nel 1999 perché dal 1935 a oggi sarebbe stato giocato da oltre 500 milioni di persone.

Quest’anno la Hasbro ha deciso di festeggiare l’80°anniversario dell’uscita del Monopoli in Francia mettendo in vendita 80 scatole speciali in cui sono contenuti soldi veri al posto delle normali banconote di carta. In una soltanto tutti i soldi finti sono stati sostituiti per un valore complessivo di 20.580 euro. Nelle altre scatole ci sono solo alcuni tagli veri. In Francia questi 80 Monopoli fortunati sono stati mescolati alle altre scatole in vendita nei negozi per tutto il 2015.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti