Curiosità

Empire State Building

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Con i suoi 381 metri di altezza l’Empire State Building è stato il grattacielo più alto del mondo fra il 1931 e il 1967 quando il primato gli fu tolto dalla torre di Ostankino costruita a Mosca in piena guerra fredda.

L’Empire State fu inaugurato il primo maggio del 1931 a New York e subito diventò uno dei principali simboli della città. Lo rimase anche dopo il 1973 quando le Torri Gemelle del World Trade Center lo superarono in altezza nella stessa Manhattan.
Negli anni appena successivi alla sua costruzione non ebbe molto successo, era appena scoppiata la crisi del ’29 e molti piani rimasero vuoti. Poi la storia del grattacielo cominciò a farsi movimentata: nel 1945 un cacciabombardiere si perse tra le nebbie della città si schiantò al 78° piano dell’Empire ma l’edificio resistette.

Il grattacielo fu anche teatro di due sparatorie oltre che set cinematografico d’eccezione e sede di studi radiofonici e televisivi. Ma fu sopratutto il cinema a consacrare la sua fama. Molte scene di famose pellicole furono girate tra piani, ascensori e terrazze dell’Empire State Building.

La più famosa in assoluto è la scena finale di King Kong quando il il gigantesco gorilla viene ucciso in cima al grattacielo dagli aerei che gli sparano contro. In realtà quella fu solo una citazione poiché lo scenario venne ricostruito negli studi di Hollywood ma dal 1933 ad oggi quella scena ha immortalato il pennone dell’Empire State Building nella storia del cinema mondiale. Nel 1964 Andy Warhol gli dedicò addirittura un documentario che consacra il ruolo dell’Empire come emblema degli Stati Uniti.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti