Curiosità

La mamma del freezer

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

La mamma di tutti freezer è la ghiacciaia, ovvero quel luogo in cui si pressava la neve e il ghiaccio per conservare i cibi. Il freddo rallenta la crescita dei batteri ed è per questa ragione che fin dai tempi più antichi fu usato dalle popolazioni più diverse.

Alcune grotte delle Alpi Apuane furono utilizzate dagli uomini preistorici come primitive ghiacciaie. La stessa tecnica venne usata dei Persiani oltre 1700 anni prima di Cristo. Anche Greci e Romani riempivano di ghiaccio le grotte naturali nei dintorni nel Lazio.

Le prime ghiacciaie erano semplici buche nel terreno piene di neve e coperte da paglia, foglie secche o stracci di lana per conservare la temperatura. La tecnica si perfezionò nei secoli fino ad arrivare alle ghiacciaie in muratura ai tempi del Granducato di Toscana. Nel centro storico di Siena c’è tutt’oggi la via del diacceto dove il ghiaccio veniva conservato in delle buche scavate nel tufo dette chiacchiere o diaccere.

L’invenzione del frigorifero è relativamente recente, il brevetto risale all’americano John Gorrie nel 1851. Ma il primo frigorifero domestico fu messo in vendita nel 1913. Un modello di freezer senza parti in movimento fu brevettato anche da Albert Einstein nel 1930.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti