Curiosità

La Pipa di Maigret

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

“La pipa è un oggetto vero, un oggetto personale che finisce per far parte di voi. Oso appena dire di possedere circa trecento pipe, anche se ne ho portate solo una ventina nella mia piccola casa rosa (12, rue des Figuiers). Ebbene, malgrado il numero, le conosco bene tutte, una per una, come fossero amici”

Così l’autore di gialli George Simenon parlava del suo rapporto con le sue pipe. Eppure quelle che fumava Simenon erano molto diverse dalle pipe del suo personaggio più famoso, il commissario Maigret.

Entrambi erano appassionati fumatori ma con gusti molto diversi: ricercati quelli dell’autore, semplici quelli del commissario. Questi fumava il tabacco Gris, uno dei più economici sul mercato.

Entrambi conoscevano le abitudini, le manie e i tic dei fumatori di pipe. Simenon quando scriveva preparava tre o quattro pipe diverse e perfettamente allineate sulla scrivania secondo un rituale collaudato e le accendeva di continuo una dietro l’altra. Nel 1947 Simenon scrisse un breve racconto dal titolo La pipa di Maigret.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti