Eventi

Morte di Gaudì

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Dopo la morte i barcellonesi lo soprannominarono l’architetto di Dio ma poco prima del trapasso nessuno lo aveva riconosciuto.

Il 7 giugno del 1926 Antoni Gaudì fu investito da un tram, il numero 30, nonché il primo della città.

Indossava abiti logori e i suoi soccorritori lo scambiarono per un povero vagabondo. Morì dopo 3 giorni. Fu il cappellano della Sagrada Famìlia a riconoscerlo.

I funerali furono celebrati nella sua cattedrale incompiuta e parteciparono migliaia di persone. Poi fu sepolto nella cripta. Sette della sue opere realizzate a Barcellona sono state inserite tra i patrimoni dell’umanità dell’Unesco.

Oggi è stato riconosciuto come uno dei più grandi geni dell’architettura di tutti i tempi.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti