Curiosità

Vietri sul Mare

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Due leggende, due fratelli, due scogli che affiorano dall’acqua al largo della riva del Comune di Vietri sul Mare sul lato che confina con Salerno. La prima leggenda vuole che alla fine di un estenuante assedio di navi saracene il conte salernitano Umfredo dei Landolfi e il principe saraceno Rajan si sfidarono a duello fino ad arrivare esausti ai due scogli. Appena prima che il mare li risucchiasse si accorsero che sui loro scudi campeggiava lo stesso stemma segno della loro parentela. I due fratelli è infatti è il nome dato a quei due scogli di Vietri sul Mare, la cittadina marinara detta anche “la prima perla” perché sta all’inizio della Costa di Amalfi.
La seconda versione della leggenda racconta di due pastori che videro in mare una donna addormentata tra le acque. Senza esitare i due giovani si tuffarono per aiutarla ma annegarono insieme a tutte le loro pecore prima di raggiungere la ragazza che era la figlia di Nettuno. Il re del mare restò colpito dal gesto eroico dei pastori e decise di trasformarli nei due scogli, I due fratelli, attorniandoli con massi più piccoli a ricordo delle pecore del loro gregge. Il paese di Vietri sul Mare è noto, tra le altre cose, per le ceramiche lavorate e dipinte artigianalmente secondo tradizione. Nel 1997 il comune è stato dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’Umanità.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti