Arte

Andy Warhol

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Andy Warhol era figlio di genitori cecoslovacchi migrati in America. I suoi quadri più famosi sono stampe serigrafiche e sono diventate delle vere e proprie icone dell’epoca: Marilyn Monroe, Mao Zedong o Tse-tung, Liz Taylor … alla stregua delle scatolette di zuppa Campbell e delle bottigliette di Coca Cola.

La tecnica preferita da Warhol è il riporto fotografico ripetuto con violenti colori che dissacrano il concetto di unicità dell’opera d’arte come di tutto il resto nel l’epoca del boom economico e quindi del consumismo sfrenato.

Nel suo studio di Manhattan, la Factory, si svolgevano le attività artistiche e mondane del gruppo della Pop Art. E proprio lì nel giugno del 1968 Valerie Solanis, un’attivista del femminismo, sparò tre colpi di pistola contro Andy Warhol e lo ferì gravemente.

Lou Reed, amico dell’artista, dedicò a questo episodio una canzone dell’album commemorativo a Andy Warhol Songs for Drella.
Drella (Dracula + Cinderella) era l’alter ego drag-queen di Warhol che oltre a questa aveva tante altre passioni originali. Come quella di collezionare animali imbalsamati: possedeva un leone, un pavone, un pinguino, una testa di alce e un alano di nome Cecil.

Warhol amava anche la cucina e nel 1959 pubblico un libro dal titolo Wild Raspberries.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti

1 Commento

  1. Pingback: Pop Art italiana | OggiScopri

I commenti sono chiusi.