Tendenze

Belle Époque

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Gli anni a cavallo tra l’800 e il ‘900 sono l’epoca d’oro del progresso dell’industria, della scienza e della tecnica passati alla storia con il termine francese Belle Époque.

Sono gli anni del cinema, degli aerei, delle automobili, del Can Can, dei café concerto e degli abiti sinuosi che disegnano la figura femminile sulla linea S tipica dell’art nouveau.

Corsetti e crinoline modellano il corpo femminile spingendo in avanti il petto e assottigliando la vita con il bacino in fuori.

Le gonne strette sui fianchi si allargano in fondo perdendosi in sottogonne di mussola e seta. Intorno agli anni ’10 si attua nella moda una vera e propria rivoluzione pari a quelle storiche e politiche coeve.

Morbidi drappeggi sostituiscono gli stretti corsetti. Il busto diviene sempre più basso e morbido fino a scomparire quando lo stilista francese Paul Poiret inventa una specie di reggiseno nel 1909. E non solo, Poiret disegna anche la gonna hobble skirt strettissima sotto il ginocchio.

Un capo nuovo che sconvolge quasi quanto l’arrivo del sensualissimo scollo a V. Gli stivaletti in vernice o capretto chiusi da lacci o bottoni sono sostituiti da scarpe con nastri di raso intorno alla caviglia adatti al nuovo ballo che viene dall’argentina: il tango.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti