Eventi

I Giardini

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Con decreto napoleonico a Venezia nel 1807 vennero realizzati i Giardini pubblici su un’area occupata da antichissimi complessi religiosi. Napoleone fece radere al suolo l’intero quartiere popolare che comprendeva anche quattro chiese e tre conventi.

Sulle macerie fece costruire una collinetta dove sorse prima un caffè, poi il padiglione della Biennale della città. La scelta di costruire qui i padiglioni stranieri dell’Esposizione arrivò nel 1907 e fu dettata dal desiderio di consolidare la vocazione internazionale della Biennale di Venezia oltre che da una necessità logistica.

Dopo il successo ottenuto dalle prime edizioni: 200mila visitatori nel 1895 e oltre 300mila nel 1899 servivano nuovi spazi da dedicare ai paesi stranieri. Alcuni padiglioni dei Giardini vennero ideati e realizzati da celebri architetti.

Quello dell’Austria è una delle ultime opere di Josef Hoffmann, il maestro della Secessione. L’Olanda ha affidato il progetto a Gerrit Thomas Rietveld, maestro del movimento De Stijl. La Finlandia è ospitata da un prefabbricato in legno a pianta trapezoidale progettato da Alvar Aalto.

Intorno ai padiglioni ci sono più di 100 specie arboree tra cui tigli, bagolari, platani, ligustri, allori e anche piante esotiche rare che crescono in mezzo a statue e monumenti dedicati a personaggi famosi.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti