Arte

La firma in bianco

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Le cose visibili possono essere invisibili. Se qualcuno va a cavallo in un bosco, prima lo si vede, poi no, ma si sa che c’è. Nella Firma in bianco, la cavalerizza nasconde gli alberi e gli alberi la nascondono a loro volta. Tuttavia il nostro pensiero comprende tutti e due, il visibile e l’invisibile. E io utilizzo la pittura per rendere visibile il pensiero. – R. Magritte.

Non avviene spesso che un artista oltre a realizzare l’opera la racconti. In questo quadro Magritte lo fece, forse per essere coerente fino in fondo con il suo intento di rendere visibile il pensiero. Come nel ciclo della Trahison des images ne ‘La Firma in Bianco’ Magritte fonde e separa realtà e rappresentazione. Mentre nella “pipa che non è ciò che dice di essere” la realtà si sottrae alla rappresentazione e viceversa, in questo quadro la cavallerizza e il bosco coesistono e veicolano con il loro esserci il bisogno dell’artista di andare oltre l’apparenza delle cose e allo stesso tempo di mostrare la realtà come un’astrazione.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti

2 Commenti

I commenti sono chiusi.