Arte

Le pesche di Figino

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

La prima natura morta nella storia dell’arte italiana è Il piatto di pesche di Ambrogio Figino.

L’opera del pittore manierista lombardo di fine ‘500 è il più illustre precedente del capolavoro di Caravaggio La Canestra di Frutta celebrata fino a un decennio fa sulla banconota da 100mila lire emessa in Italia dal 1994 al 1998.

Le pesche di Figino sono belle, mature e intatte nonostante il passare del tempo rappresentato dalle foglie ingiallite: l’arte gareggia con la natura è la batte.

Il Piatto di pesche del Figino è una rappresentazione allegorica del tema religioso della vanitas, un soggetto frequente nelle rappresentazioni delle nature morte dal ‘600 in poi.

Quest’opera dell’artista lombardo si trova esposta proprio in questi giorni a Brescia nella mostra Il cibo nell’arte. I capolavori dei grandi maestri dal ‘600 a Warhol che resterà aperta fino al 14 giugno. L’esposizione è in linea con il tema di Expo 2015: Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti

1 Commento

  1. Pingback: Arcimboldo | OggiScopri

I commenti sono chiusi.