Curiosità

L’orso

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

L’orso è un animale possente che vive nei boschi e ha fatture che ricordano quelle umane.

Non è un caso che spesso si usi l’appellativo orso per le persone schive che evitano di socializzare. Ma l’orso è anche una figura protettiva, pacioccona e simpatica: con il muso lungo e le orecchie tonde, la pelliccia densa, la coda corta e una passione per il miele.

È così che ha ispirato tanti personaggi delle fiabe e dei cartoon che oggi sono diventati delle vere e proprie icone. L’orso Baloo compagno della pantera Bagheera e tutore di Mowgli nel Libro della Giungla di Ruyard Kipling.

Yoghi e Bubu i celebri orsetti del parco dello Yellowstone golosi di cestini di pic nic.

Nella versione cartoon Little John è un orso che va per la foresta insieme a Robin Hood (una volpe) per rubare ai ricchi e dare ai poveri.

Fino ad arrivare a Winnie the Pooh, un personaggio davvero esistito poi celebrato dai cartoni animati della Disney. Winnie the Pooh era un cucciolo di orso che, rimasto orfano, era stato donato allo zoo di Londra tra le due guerre.

Con il toro, l’aquila, il leone anche l’orso fa parte di quegli esseri considerati magici perché sospesi tra la natura animale, umana e quella divina. Come nel mito greco classico che racconta di quando Era, la moglie di Zeus, punì per gelosia la ninfa Callisto per aver avuto un figlio dal re dell”Olimpo. Era trasformò la ninfa e il figlio Arcade in due orsi che poi Zeus portò in cielo per farne due costellazioni: l’Orsa Maggiore e l’Orsa minore.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti