Arte

Le vacanze di Hegel

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Questa tela di René Magritte è il risultato di una coincidenza tra un problema tecnico e la sua soluzione attraverso l’immaginazione. Mentre Magritte disegnava il bicchiere notò una linea che evocava un ombrello, allora provò a inserirlo all’interno. Ma il risultato non gli piacque. Così pose l’ombrello aperto sotto il bicchiere e voilà! Questa volta funzionava. E Hegel cosa c’entra? Proviamo un’interpretazione! Il pensatore tedesco è stato il più grande teorico della razionalità “Tutto ciò che è reale è razionale” e viceversa: così il filosofo scriveva nella Prefazione ai Lineamenti di Filosofia del Diritto. Magritte conosceva il pensiero di Hegel e ci ha giocato un po’. È così che sperimentando la sua tela l’artista ha mandato Hegel in vacanza!

Ed ecco cosa scrive Magritte sul quadro “Le Vacanze di Hegel” in una lettera a Maurice Rapin del 22 maggio 1958:

Credo che al filosofo un oggetto come questo che svolge due funzioni contrapposte, quella di respingere e di captare acqua sarebbe piaciuto. Lo avrebbe sicuramente divertito, come ci si può divertire appunto in vacanza.

[“Les vancances de Hegel”, olio su tela, 1958, 61×50 cm, Courtesy Galerie Isy Brachot, Bruxelles- Parigi].

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti