Arte

Pranzo sul grattacielo

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Una delle foto più famose al mondo è stata per più di 70 anni senza autore. E tutt’oggi c’è chi ha dei dubbi sulla sua attribuzione a Charles C. Ebbets. Per decenni la foto pubblicata dal New York Herald Tribune comparve con la dicitura “autore sconosciuto”.

L’immagine stava accanto a un articolo di denuncia in cui si segnalava la mancanza di corde e protezioni degli 11 operai in pausa pranzo sul braccio di una gru a 800 piedi di altezza sopra New York. Secondo altre fonti tra cui la Corbis Images che ne detiene i diritti, si sarebbe invece trattato di uno scatto costruito a tavolino per sponsorizzare il nuovo Rockefeller Centre e gli autori potrebbero essere stati più di uno.

Una cosa è certa: la foto è stata scattata nel settembre del 1932. Poi nel 2003 Charles C. Ebbets, ormai defunto, fu riconosciuto come vero autore. Negli alti furono in molti a tentare di attribuirsi la paternità dello scatto, ma alla fine ebeb la meglio la versione di Joyce Ebbets, la moglie di Charles che presentò a riprova una fotografia del marito al lavoro come reporter sulle travi dello stesso grattacielo in costruzione, insieme ad alcune lastre della stessa sessione di lavoro e a una ricevuta di compenso straordinario del giornale che aveva pubblicato la fotografia riconoscendo al fotografo una cifra extra per la pericolosità degli scatti.

Non tenere tutto per te...condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Commenti

commenti

1 Commento

  1. bassando dice

    Codesto post mi trova senza dubbio in accordo. In linea generale il sito
    internet https://www.oggiscopri.it è scritto veramente in modo efficace, lo leggo sempre.
    Ben fatto, a risentirci.

I commenti sono chiusi.